Mantenere la parola 

Beppe Sebaste

Official site

Post recenti

  • Venezia, isola di San Servolo, un reportage gonzo (settembre 2014) (avevo scritto 1914)

    Venezia, isola di San Servolo, un reportage gonzo (settembre 2014) (avevo scritto 1914)

      Sono di nuovo a Venezia fuori stagione, c’è il sole e cammino tra l’Arsenale e San Marco verso l’imbarco del vaporetto per San Servolo. Passo davanti alla targa di marmo sul muro dell’Hotel Gabrielli, dice che Franz Kafka soggiornò lì nel 1913 e vi scrisse molte delle lettere a Felice. La coincidenza è blanda, […]

  • Hotel Repos

    Hotel Repos

    Molto tempo dopo (o forse molto tempo prima, non importa), ti siedi un mattino molto presto davanti a una vetrata e guardi l’oceano, sotto il cielo chiaro che piove giù compatto e azzurro come una cupola. Anche l’immenso ridiventa piccolo racchiuso nei confini dello sguardo, perché il vedere non è solo limitato, è l’attestazione stessa […]

  • Tra la via Emilia e i boss (giallo Parma)

    Tra la via Emilia e i boss (giallo Parma)

    Leggendo questo pezzo di Carlo Lucarelli (che ringrazio) uscito il 31 gennaio, mi sono chiesto con amarezza quando e come potranno scusarsi coloro che ci hanno coperto di veleni e sarcasmi. Per quanto mi riguarda penso non tanto all’ex prefetto di Parma Scarpis (risponderà del suo operato ai suoi superiori o al suo karma) ma […]

  • Le parole spariranno. Emilio Villa e il Mahabharata (storia di questo video di 30 secondi)

    Le parole spariranno. Emilio Villa e il Mahabharata (storia di questo video di 30 secondi)

    Quando ricevetti per mail l’invito di Andrea Cortellessa alla presentazione, giovedì 18 dicembre 2014 alla GNAM di Roma, del volume L’opera poetica di Emilio Villa, pubblicato con infinito merito da L’orma editore; e soprattutto alla maratona di letture a più voci dedicata a Emilio Villa che si sarebbe tenuta la sera di quello stesso giovedì […]

  • Banlieue o prateria virtuale, la comunità possibile della letteratura. Un annuncio.

    Banlieue o prateria virtuale, la comunità possibile della letteratura. Un annuncio.

    Interessa a qualcuno parlare di libri di letteratura? Il fatto è che per l’universo degli scrittori e degli editori di letteratura la situazione è oggi a dir poco incresciosa (come per la politica, d’altronde). Poco tempo fa ho letto una lucida analisi scritta da Antonio Paolacci (già editor in passato di una piccola casa editrice), […]

  • Teatro e fantasmi. Per salutare Mario Prosperi e ricordare il Politecnico

    Teatro e fantasmi. Per salutare Mario Prosperi e ricordare il Politecnico

    Mentre apprendo adesso della scomparsa di Renato Mambor, io sono ancora rimasto al 19 novembre: ero già in India quando è morto Mario Prosperi, uomo di teatro – attore, regista e drammaturgo – intellettuale colto e impegnato. Mi dispiace molto, e mi dispiace immensamente anche per Rossella Or, colla quale Mario ha vissuto un lungo sodalizio nel lavoro e nella vita. Ritrovo, per […]

  • I poveri sono ricchi

    I poveri sono ricchi

              A Calcutta dove i cani sembrano morti di giorno ai bordi delle strade e i taxi gialli vanno così in fretta che ucciderebbero pur di non far attraversare la strada a qualche vecchio e corrono verso Park Street o al Bengal Club dove lasciano giù tutti quei poveri che si danno da fare per sembrare ricchi, bisogna andare fuori dal centro nel fitto della foresta urbana […]

  • Bhopal, il genocidio dei poveri

    Bhopal, il genocidio dei poveri

    Ho visto il film Bhopal uscito oggi in prima mondiale a trent’anni della più grande catastrofe industriale della storia. L’ho visto in un cinema assurdamente lussuoso di Calcutta (poltrone reclinabili con appoggiapiedi come in aereo prima classe, e servizio bar), dentro un mall, un centro commerciale, uno di quei posti in cui paradossalmente nessuno degli indiani di cui […]

  • Tutto quello che resta (lettera da Calcutta sulla poesia)

    Tutto quello che resta (lettera da Calcutta sulla poesia)

    Ieri a Roma alla Galleria la Nuova Pesa si è presentato un nuovo libro del mio vecchio amico critico e saggista Paolo Lagazzi – un libro sulla poesia dal bel titolo La stanchezza del mondo. Era previsto un mio intervento, e di fatto anche se non c’ero (sono a Calcutta), pare che fossi presente con questo intervento […]

  • “Vi sto sorridendo dovunque io sia” (un sorriso a Jacques Derrida a dieci anni dalla morte)

    “Vi sto sorridendo dovunque io sia” (un sorriso a Jacques Derrida a dieci anni dalla morte)

    Jacques Derrida had died, on Saturday 9 October 2004, at the age of seventy-four. A heavy silence reigned, but only the people closest to the tomb could hear Pierre reading the few words prepared by his father. Derrida, reproducing his own father’s gesture, thirty-four years earlier, had composed his epitaph himself: “Jacques desired neither ritual nor […]

  • Per Robert Walser (una mostra a Venezia e altro)

    Per Robert Walser (una mostra a Venezia e altro)

    (Il corpo di Robert Walser morto nella neve, durante una passeggiata, il giorno di Natale del 1956) Si riparla di Robert Walser, grazie agli artisti. Domani 26 settembre alle ore 18 si inaugura infatti a Venezia una mostra in omaggio al grande scrittore svizzero, preceduta alle ore 15 da una breve chiacchierata o tavola rotonda […]

  • “Scrivo, dunque sono libera”. Amare la letteratura con Jacqueline Risset

    “Scrivo, dunque sono libera”. Amare la letteratura con Jacqueline Risset

      E’ morta Jacqueline Risset, grande poetessa, saggista, studiosa di letteratura, redattrice storica della rivista Tel Quel, traduttrice insigne di Dante, da anni residente e docente all’università di Roma L’11 dicembre 2006, mentre a Villa Medici riprendevano le letture del ciclo di incontri con scrittori francesi curato dall’amico Olivier Rolin, “Amare la letteratura”, pubblicavo sulle pagine della […]

  • Per Cathy, Blue blue and more

    Per Cathy, Blue blue and more

    La NOTIZIA potete leggerla qui: http://wsimag.com/it/arte/10828-cathy-josefowitz-blueblue-and-more Sabato 6 settembre si inaugura nella Galleria Susanna Orlando a Pietrasanta la mostra di Cathy Josefowitz “Blue blue and more”… E’ un ritorno alle origini, perché Cathy a Pietrasanta ci ha vissuto, e da Susanna Orlando aveva fatto altre mostre nei primi anni ’90. Io c’ero. I quadri e i […]

  • Perché la resistenza del giornale l’Unità ci riguarda tutti

    Perché la resistenza del giornale l’Unità ci riguarda tutti

    [Quello che segue è un intervento uscito oggi 10 luglio 2014 sul giornale l’Unità, che come forse sapete è a rischio di chiusura per insipienza, arroganza e negligenza imprenditoriale dei suoi proprietari, da Soru in poi. De l’Unità, di cui mi onoro di essere stato collaboratore (delle pagine culturali soprattutto, dirette da Stefania Scateni) dalla direzione Furio […]

  • La vita nuova dei rifiuti (della società)

    La vita nuova dei rifiuti (della società)

    (La foto è di Barry Rosenthal, l’articolo è stato pubblicato su Repubblica del 6 luglio 2014 col titolo “I rifiuti della società”)    Nel giugno 2010 andai in provincia di Napoli e Caserta per descrivere quello che gli abitanti chiamavano l’olocausto bianco dei rifiuti. Sporgendomi sulle voraginose discariche legalizzate e militarizzate dal governo di allora, […]

  • Mushotoku: nessuno scopo, nessun merito. Per il trentennale di Fudenji…

    Mushotoku: nessuno scopo, nessun merito. Per il trentennale di Fudenji…

       «Fatti di terra, non si può perdere né guadagnare terreno… Non si ha mai terra da perdere, perché si è della terra».  Sono frasi di Fausto Taiten Guareschi, monaco buddhista e maestro Zen che insegna con l’accento emiliano, appunto, della sua terra – le colline e la campagna della provincia di Parma dove sorge […]

  • Tornare a casa (frammento tagliato, ritrovato, forse salvato, non so)

       Il fatto stesso di scrivere non significava che vivere era insufficiente? Come è possibile che la vita sia troppo poco?    La verità è che volevo ritornare a casa, provavo un bisogno disperato di tornare, ma non sapevo come. In quale casa se provavo nostalgia anche quando c’ero? In una casa più casa.   Il […]

  • Scrivere (un preambolo)

    Scrivere (un preambolo)

    Scrivere    Ho chiesto a Terzo Occhio cosa ne pensasse in questo periodo di me come scrittore, e come dovrei scrivere secondo lui.    Lui, che spesso si esprime per immagini, prima mi ha fatto vedere i campi all’alba appena fuori dalla città santa di Vrindavan o di altre città agricole dell’India, punteggiate da decine, […]

  • Festa della liberazione – degli altri

    Vorrei offrire ai lettori un paio di pensieri ancora in corso.    Il primo nasce dal fastidio per alcuni commenti letti qui e là sul 25 aprile, dove con leggerezza e arroganza si pongono sullo stesso piano i partigiani di allora e i “ribelli” di oggi – dai No Tav a chi manifesta per la […]

  • “Comizi di felicità”. Una giornata al mare, dal mio panettiere di Ostia

    “Comizi di felicità”. Una giornata al mare, dal mio panettiere di Ostia

    Giuseppe Ungaretti in spiaggia in “Comizi d’amore” di Pier Paolo Pasolini    Tutte le volte che ho parlato del bel film di Roberto Andò Viva la libertà, con un lapsus lo chiamavo Viva la felicità, come se volessi evitare quella parola abusata e, credo, sopravvalutata (“popolo delle libertà”). Mi accade la stessa cosa cercando un […]